Assisi: “Insieme con il Benin”

Filomeno Lopes (a sinistra)

Dal 5 al 9 giugno 2019, Assisi si è messa ai passi con l’Africa grazie alla prima edizione del Festival “Insieme con il Benin”.

L’ammistrazione comunale l’aveva suggerito e sostenuto come segno concreto di incoraggiamento per il Progetto di formazione e di educazione a favore dei giovani  e dei ragazzi in cui siamo impegnati in Benin. Perciò il sindaco, Stefania Proietti ha presieduto la cerimonia d’apertura.

Durante quei 5 giorni di “cultura, dialogo e solidarietà”, il palazzo del Capitano del popolo, in piazza del Comune, ha ospitato vari eventi, tra cui la presentazione del libro “Rivogliono il loro pesce” di Jean-Baptiste Sourou che tratta dell’emigrazione in un modo per niente scontato; una conferenza piena di spunti di riflessione su “Educazione e Integrazione” animata dal filosofo, scrittore e giornalista della Guinea Bissau, Filomeno Lopes, dalla prof.ssa  Bianca Maria Tagliaferri, preside dell’Istituto Professionale Alberghiero di Assisi (IPSA) con l’assessore alle politiche scolastiche e educative, il dott. Simone Pettirossi.

L’aristata italo-australiana, Virginia Ryan e la sua amica americana Julia Perry ci hanno raccontato assieme a dei giovani africani richiedenti asilo un’esperienza molto interessante per la ricerca dell’integrazione tramite l’arte: “Make Art Not WallsItalia”.

A conclusione del Festival che ha registrato un bel numero di presenza è stato proiettato il film documentario “Burkinabè Bounty” con il quale la regista americano-brazialiana, Iara Lee, racconta la resistenza concreta delle popolazioni africane dinanzi all’invasione dei multinazionali dell’agro alimentare.

L’evento è stato ambientato nella cornice di una mostra permanente di opere d’arte africana e di un percorso illustrativo del nostro impegno in Benin.